SINDROME DELL’OVAIO MICROPOLICISTICO: STRATEGIE

SINDROME DELL’OVAIO MICROPOLICISTICO: STRATEGIE

La Sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) è un disturbo di squilibrio ormonale nella donna, ha un impatto negativo sulla sua salute, sulla sua capacità di avere figli e sul suo aspetto fisico.

Segni e sintomi:

  • Alterazioni del ciclo mestruale
  • Eccessiva produzione di ormoni maschili (iperandrogenismo)
  • Irsutismo (peluria eccessiva su viso e corpo)
  • Eccesso di peso
  • Difficoltà a perdere peso
  • Insulino-resistenza (presente nel 50-70% delle donne con PCOS)
  • Infertilità anovulatoria
  • Acne
  • Astenia cronica (stanchezza)
  • Ansia, depressione

Cause:

  • Infiammazione cronica: è un’infiammazione sistemica di basso grado che si verifica quando l’organismo è esposto ripetutamente a vari fattori; di conseguenza, i mediatori dell’infiammazione sono prodotti in tutto il corpo e possono sopraffare il sistema immunitario che, confuso, attaccherà anche i tessuti, gli organi interni e la cellule stesse
  • Insulino-resistenza: l’eccesso di insulina può aumentare la produzione di androgeni e causare squilibri ormonali; inoltre, gli squilibri glicemici causano stress e rilascio di cortisolo, che a sua volta blocca la produzione di progesterone (derivano infatti dallo stesso precursore) e determina una condizione di “predominanza estrogenica” (fattore legato allo sviluppo di PCOS)
  • AGEs (prodotti finali di glicazione avanzata o glicotossine): molecole altamente reattive formate dopo la glicazione di lipidi e proteine; causano infiammazione e stress ossidativo, danneggiando i tessuti di tutto l’organismo; sono implicati nel processo di invecchiamento e nello sviluppo di Diabete di tipo 2, aterosclerosi e tumori; le principali fonti di AGEs sono dieta occidentalizzata, fast food e fumo

 

STRATEGIE PER PREVENIRE E MIGLIORARE LA SINDROME DELL’OVAIO POLICISTICO

  • Dieta antinfiammatoria: comprende cibi integrali non processati, alimenti biologici, frutta a basso Indice Glicemico (es. frutti di bosco), erbe aromatiche, spezie, verdure della famiglia delle Crucifere (es. cavoli, broccoli), carne allevata al pascolo e nutrita ad erba, salmone selvaggio, noci, semi di lino, cocco, olive, avocado
  • Cibi da evitare: zuccheri e carboidrati raffinati, perché causano picchi glicemici ed insulinici, e determinano infiammazione e stress ossidativo; latticini convenzionali, perché stimolano il rilascio di citochine infiammatorie e contengono interferenti endocrini (es. ormoni, steroidi, pesticidi, antibiotici, OGM); cibi processati, perchè contengono additivi e conservanti tossici (es. olio di canola, olio di cartamo); un eccesso di grassi saturi, perché potrebbero peggiorare l’iperandrogenismo
  • Perdere peso, se è in eccesso: soprattutto il grasso addominale, che aumenta le citochine infiammatorie (TNF-alfa e IL-6), che a loro volta aumentano la PCR (Proteina C Reattiva) ed incrementano il rischio di Sindrome dell’ovaio policistico e infertilità
  • Migliorare la sensibilità insulinica e modulare i picchi glicemici
  • Bilanciare i livelli ormonali (soprattutto gli estrogeni)
  • Ridurre i livelli di cortisolo: seguire una dieta bilanciata, fare attività fisica regolare e non eccessiva, mantenere adeguate ore di sonno (7-8 ore per notte), imparare a gestire lo stress (es. tecniche di respirazione, farsi fare un massaggio, dedicarsi ad hobbies)
  • Assumere se necessario, dietro prescrizione medica, integratori di inositolo: molecola che ha dimostrato ridurre l’insulino-resistenza, migliorare la funzione ovarica e ridurre i livelli di androgeni; fonti alimentari di inositolo sono avena, fagioli, melone, arancia, noci
  • Avere livelli ottimali di vitamina D: bassi livelli di questa vitamina sono correlati ad insulino-resistenza e Sindrome dell’ovaio policistico

 

 

Bibliografia

  1. Kalyan S, Goshtesabi A, et al., Assessing C reactive protein/albumin ratio as a new biomarker for polycystic ovary syndrome: a case-control study of women from Bahraini medical clinics. 2018 Oct; 8(10): e021860
  2. Rutkowska AZ, Diamanti-Kandarakis E, Do Advanced Glycation End Products (AGEs) Contribute to the Comorbidities of Polycystic Ovary Syndrome (PCOS)? 2016; 22(36): 5558-5571
  3. Chen J, Shen S, et al., The correlation of aromatase activity and obesity in women with or without polycystic ovary syndrome. 2015 Mar; 8:11
  4. Kaira B, Kaira S, Sharma J, The inositols and polycystic ovary syndrome, 2016 Sep-Oct; 205(5): 720-724

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *