PREDOMINANZA ESTROGENICA: COME CONTRASTARLA

PREDOMINANZA ESTROGENICA: COME CONTRASTARLA

L’invecchiamento e alti livelli di stress fisico, chimico ed emotivo sono associati alla perdita di progesterone nelle donne e di testosterone negli uomini: quando questi ormoni chiave sono esauriti, si instaura uno stato di predominanza di estrogeni, che è uno dei principali fattori associati ai processi di patologie cronico-degenerative.

L’eccessivo affidamento su beni e prodotti industriali altamente processati e carichi di sostanze chimiche sembra essere il principale colpevole. Gli xeno-estrogeni sono composti artificiali prodotti dall’industria e differiscono chimicamente dagli archi-estrogeni (presenti in natura) prodotti dagli organismi viventi.
Gli xeno-estrogeni imitano gli effetti dei veri estrogeni e interagiscono con i recettori cellulari: questo processo contribuisce all’eccesso estrogenico e blocca gli effetti dei veri estrogeni.
Molte di queste sostanze chimiche agiranno in modo sinergico, se combinate con altri “interferenti endocrini”: questo processo sinergico aumenta esponenzialmente i loro effetti all’interno del corpo, causando gravi problemi a livello cellulare.

Questo eccessivo bombardamento di ormoni artificiali sovraccarica il fegato, che cerca disperatamente di abbatterne l’eccesso per eliminarlo efficacemente dall’organismo: lo stress epatico cronico causa a sua volta gravi problemi di tossicità, digestione, metabolismo e infiammazione. I segni e i sintomi di questa situazione includono livelli elevati di colesterolo, energia ridotta, sistema immunitario depresso, ecc.
Una scarsa funzionalità epatica causa un’inadeguata degradazione degli estrogeni, consentendo a questi di ritornare nel flusso sanguigno in una forma ancora più tossica rispetto a quando erano originariamente entrati nel fegato: la forma tossica degli estrogeni aumenta i sintomi di dominanza estrogenica e il rischio di cancro di tipo ormono-sensibile (es. seno, utero, ovaie, prostata).

 

ALIMENTI E BEVANDE A CUI PRESTARE ATTENZIONE

Alcuni cibi sono pieni di molecole e sostanze chimiche estrogeniche, tra cui carne e prodotti caseari convenzionali carichi di ormoni e antibiotici, dove gli animali sono stati nutriti con una dieta ricca di cereali estrogenici.
Gli isoflavoni della soia sono altamente estrogenici come lo sono lo zucchero, gli additivi, i conservanti, gli alimenti e le bevande lavorati.
Anche i cereali e la birra sono altamente estrogenici.

 

DIETA ANTI-ESTROGENICA

Verdure della famiglia delle Crucifere (es. broccoli, cavolfiori, cavolini di Bruxelles, cavoli): contengono diverse molecole (es. indolo-3-carbinolo, diindolilmetano) che disintossicano le forme estrogeniche “cattive”; queste verdure contengono anche sulforafano e isotiocianati, che migliorano i processi di disintossicazione del fegato e contrastano la formazione di cellule tumorali
Cibi antinfiammatori: cibi ricchi di omega 3 come carne e latticini biologici allevati al pascolo e nutriti ad erba, pollame biologico, salmone selvaggio
Cibi anti-estrogenici: avocado, olio di cocco, olio extra-vergine d’oliva, cibi ricchi di steroli vegetali (es. noci, noci pecan, mandorle, semi di chia, semi di zucca, semi di canapa)
Cibi che aiutano il fegato a disintossicarsi: alimenti contenenti zolfo e il potente antiossidante quercetina (es. cipolla, aglio, scalogno); ma anche alcune erbe aromatiche e spezie come origano, timo, salvia, rosmarino e curcuma; infine, cibi ricchi di acidi organici (es. limone), che migliora la capacità del fegato di rimuovere gli estrogeni nella loro forma “cattiva”

 

 

Bibliografia
1. Harvard Gazette: Estrogen and Female Anxiety

2. Mercola: Testosterone Decline: How to Address This Challenge to ‘Manhood’

3. The Anti-Estrogenic Diet Hofmekler
4. Olea N, Olea-Serrano F, Lardelli-Claret P, Rivas A, Barba-Navarro A. Inadvertent exposure to xenoestrogens in children. Toxicol Ind Health. 1999 Jan-Mar;15(1-2):151-8
5. Fucic A, Gamulin M, Ferencic Z, Katic J, Krayer von Krauss M, Bartonova A, Merlo DF. Environmental exposure to xenoestrogens and oestrogen related cancers: reproductive system, breast, lung, kidney, pancreas, and brain. Environ Health. 2012 Jun 28;11 Suppl 1:S8
6. Fu JH, Sun HS, Wang Y, Zheng WQ, Shi ZY, Wang QJ. The effects of a fat- and sugar-enriched diet and chronic stress on nonalcoholic fatty liver disease in male Wistar rats. Dig Dis Sci. 2010 Aug;55(8):2227-36
7. Brice A. Barton, Carl B Schreck, Lesley D Barton. Effects of chronic cortisol administration and daily acute stress on growth, physiological conditions, and stress responses in juvenile rainbow trout
8. Fataccioli, V., Andraud, E., Gentil, M., French, S. W. and Rouach, H. (1999), Effects of chronic ethanol administration on rat liver proteasome activities: Relationship with oxidative stress. Hepatology
9. National Cancer Institute: Diethylstilbestrol (DES) and Cancer
10. Nutter LM, Wu YY, Ngo EO, Sierra EE, Gutierrez PL, Abul-Hajj YJ. An o-quinone form of estrogen produces free radicals in human breast cancer cells: correlation with DNA damage. Chem Res Toxicol. 1994 Jan-Feb;7(1):23-8
11. Scientific American: Some Food Additives Mimic Human Horomones
12. Barrett JR. The Science of Soy: What Do We Really Know? Environmental Health Perspectives. 2006
13. Yang CZ, Yaniger SI, Jordan VC, Klein DJ, Bittner GD. Most Plastic Products Release Estrogenic Chemicals: A Potential Health Problem That Can Be Solved. Environmental Health Perspectives. 2011
14. Linus Pauling Institute: Micronutrient Information Center
15. The World’s Healthiest: Feeling Great with Cruciferous Vegetables
16. Percival, M. Phytonutrients & Detoxification
17. Young LR, Raatz SK, Thomas W, Redmon JB, Kurzer MS. Total dietary fat and omega-3 fatty acids have modest effects on urinary sex hormones in postmenopausal women. Nutr Metab (Lond). 2013 Apr 23;10(1):36
18. Cao W, Ma Z, Rasenick MM, Yeh S, Yu J. N-3 poly-unsaturated fatty acids shift estrogen signaling to inhibit human breast cancer cell growth. PLoS One. 2012;7(12):e52838
19. Galluzzo P, Martini C, Bulzomi P, Leone S, Bolli A, Pallottini V, Marino M.Quercetin-induced apoptotic cascade in cancer cells: antioxidant versus estrogen receptor alpha-dependent mechanisms. Mol Nutr Food Res. 2009 Jun;53(6):699-708

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *