SEMI DI CHIA: PROPRIETÀ E BENEFICI

SEMI DI CHIA: PROPRIETÀ E BENEFICI

I semi di Chia sono originari del Sud America, dove erano venerati dalle tribù degli Aztechi e dei Maya: proprio gli Aztechi consumavano la Chia prima di andare in guerra o prima di una grande caccia, per ottenere energia e resistenza.

I semi di Chia contengono:

  • Antiossidanti 3 volte in più dei mirtilli, tra cui quercetina, acido clorogenico ed acido caffeico: proprio grazie al loro contenuto di antiossidanti, durano fino a 2 anni anche fuori dal frigorifero
  • Buon contenuto proteico
  • Grandi quantità di acidi grassi omega 3, ad azione antinfiammatoria
  • Ottima fonte di calcio e altri minerali come fosforo, ferro, rame, magnesio, manganese, zinco
  • Fibre, sia solubili che insolubili (1 solo cucchiaio di semi di Chia contiene circa 5 grammi di fibra): le fibre della Chia sono in grado di assorbire 10 volte il loro peso in acqua, contribuendo così ad idratare il colon e a rimuovere dall’intestino microorganismi patogeni e tossine
  • Non contiene zuccheri, ma solo minime quantità di carboidrati non fibrosi: per questo e per gli altri suoi componenti, la Chia contrasta la comparsa di Diabete di tipo 2, Sindrome Metabolica e patologie cardiovascolari

 

IDEE DI RICETTE CON I SEMI DI CHIA

  • Aggiunti ad insalate, verdure saltate o zuppe
  • Aggiunti all’interno di frullati insieme a latte di cocco/mandorla e frutta
  • Pudding (latte di cocco/mandorla con aggiunta di semi di Chia, in frigo tutta la notte, fino a rendere il composto simile ad un budino)
  • Barrette di quinoa e semi di Chia
  • Porridge (mescolare latte di cocco/mandorla caldo con fiocchi d’avena e semi di Chia, fino a rendere il composto cremoso)
  • Muffin ai semi di Chia
  • Pancakes ai semi di Chia
  • Pane integrale o di kamut tostato con avocado, anacardi, semi di Chia e mirtilli rossi (cranberries)

 

 

Bibliografia

  1. Martínez-Cruz O, Paredes-López O. Phytochemical profile and nutraceutical potential of chia seeds (Salvia hispanica L.). J Chromatogr A. 2014 Jun 13;1346:43-8
  2. Ayerza R. The seed’s protein and oil content, fatty acid composition, and growing cycle length of a single genotype of chia (Salvia hispanica L.) as affected by environmental factors. J Oleo Sci. 2009;58(7):347-54
  3. Vuksan V, Whitham D, Sievenpiper JL, Jenkins AL, Rogovik AL, Bazinet RP, Vidgen E, Hanna A. Supplementation of conventional therapy with the novel grain Salba (Salvia hispanica L.) improves major and emerging cardiovascular risk factors in type 2 diabetes: results of a randomized controlled trial. Diabetes Care. 2007 Nov;30(11):2804-10
  4. Vuksan V, Jenkins AL, Dias AG, Lee AS, Jovanovski E, Rogovik AL, Hanna A. Reduction in postprandial glucose excursion and prolongation of satiety: possible explanation of the long-term effects of whole grain Salba (Salvia Hispanica L.). Eur J Clin Nutr. 2010 Apr;64(4):436-8
  5. Chicco AG, D’Alessandro ME, Hein GJ, Oliva ME, Lombardo YB. Dietary chia seed (Salvia hispanica L.) rich in alpha-linolenic acid improves adiposity and normalises hypertriacylglycerolaemia and insulin resistance in dyslipaemic rats. Br J Nutr. 2009 Jan;101(1):41-50
  6. Rossi AS, Oliva ME, Ferreira MR, Chicco A, Lombardo YB. Dietary chia seed induced changes in hepatic transcription factors and their target lipogenic and oxidative enzyme activities in dyslipidaemic insulin-resistant rats. Br J Nutr. 2013 May;109(9):1617-27
  7. Toscano LT, da Silva CS, Toscano LT, de Almeida AE, Santos Ada C, Silva AS. Chia flour supplementation reduces blood pressure in hypertensive subjects. Plant Foods Hum Nutr. 2014 Dec;69(4):392-8

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *